12 Maggio , 2021 | News

Medicina di genere e Covid-19, differenze da conoscere per una gestione ottimale

La medicina di genere costituisce un approccio innovativo indispensabile per studiare l’influenza delle differenze biologiche (definite dal sesso), socio-economiche e culturali (definite dal genere) sullo stato di salute e di malattia di ogni persona. Esistono, infatti, rilevanti diversità nell’insorgenza, nelle manifestazioni cliniche, nelle risposte ai trattamenti e negli esiti di malattie comuni a uomini e donne. In ambito dei sistemi sanitari è quindi necessario individuare percorsi che garantiscano la presa in carico della persona tenendo conto della differenza di genere al fine di ottenere una sempre maggiore appropriatezza e personalizzazione della terapia. Obiettivo strategico diventa quello di trasferire la salute di genere dalla singola area di intervento al processo assistenziale nella sua trasversalità e interezza. Nella definizione di tali percorsi un ruolo chiave è giocato dalle diverse professionalità sanitarie, dai clinici, ai farmacisti ospedalieri, ai decisori. Questo sembra essere vero anche nel contesto della pandemia da COVID-19. È di dominio comune che l’infezione da SARS-CoV-2 determini effetti diversi negli uomini e nelle donne. In ragione di ciò assume tutta la sua rilevanza il documento redatto dal tavolo tecnico per la medicina di genere costituito dai referenti degli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (IRCCS). Questo lavoro è nato dall’esigenza di elaborare un contributo che potesse raccogliere, analizzare secondo criteri di validazione scientifica e organizzare le evidenze scientifiche emerse e emergenti sulla correlazione tra l’infezione da SARS-CoV-2 e il genere. Il documento si articola in due principali dorsali: una inerente al legame tra patologia e genere e l’altra inerente alla correlazione tra patologia e genere in condizioni di fragilità e comorbidità. La prima parte, legata all’analisi della patologia, ne analizza in ottica di genere l’epidemiologia, le basi biologiche, l’approccio terapeutico e la risposta ai farmaci, la prevenzione farmacologica primaria e la prognosi. La seconda parte, dedicata alla correlazione tra la patologia e il genere in condizioni di fragilità e comorbidità è declinata in diverse aree tematiche quali gli aspetti cardiovascolari, endocrino-metabolici, immunologici, neurologici e oncologici. La redazione del documento dedicato alla correlazione tra COVID-19 e medicina di genere si inserisce nell’ambito di un percorso più ampio, promosso dalla Direzione Generale della Ricerca e Innovazione in Sanità, volto al potenziamento degli IRCCS in un’ottica di Rete.


Fonte: Ministero della salute

Medicina di genere e Covid-19, differenze da conoscere per una gestione ottimale

Potrebbe interessarti…

Una pandemia che toglie il sonno

La pandemia ha portato con sé difficoltà psicologiche come problemi del sonno, inattività fisica e regime alimentare poco sano (o meglio, troppo abbondante rispetto al movimento); tutti gli abitanti del Nord Italia ricordano le giornate passate tra letto e divano e la caccia alla farina, perché, chiusi in casa, dediti alla cucina in tutte le sue forme: gli italiani, chiusi a casa, si sono improvvisati tutti pizzaioli e pasticcieri.

Vaccinarsi in farmacia

La farmacia, oggigiorno, svolge un ruolo di importanza rilevante nella continuità assistenziale per molti pazienti, considerando la carenza organizzativa dei vari sistemi sanitari regionali in quest’ambito. Basti pensare che durante la pandemia, la farmacia territoriale è stata il primo presidio sanitario di prossimità, al servizio dei cittadini, capace di andare incontro alle reali esigenze delle persone, dalla consulenza da remoto alla consegna dei farmaci a domicilio, e di rispondere al bisogno di informazione e rassicurazione per affrontare l’emergenza sanitaria in corso.

Affrontare lo stress negli operatori sanitari coinvolti nella gestione del Covid-19. Alcune riflessioni cliniche

L’epidemia legata all’infezione da SARS-CoV-2, definita CoViD-19, sta comportando nelle professioni sanitare un sovraccarico di impegno non solo fisico (turni di lavoro aumentati, riduzione dei riposi, incremento del carico assistenziale) ma anche emotivo.

ICSJ - Italian Scientific Communication Journal

©2021 Axenso